Primarie Pd: l’exploit di De Luca in Campania

Vincenzo De Luca ha vinto le primarie del Partito democratico in Campania. L’ex sindaco di Salerno, decaduto dopo una condanna in primo grado in virtù della Legge Severino, sarà lo sfidante del governatore uscente Stefano Caldoro. L’esponente del Pd ha costruito il suo successo non soltanto a Salerno e provincia, ma anche in altre zone della Campania in cui si ipotizzava un risultato più favorevole al suo principale avversario, l’eurodeputato Andrea Cozzolino.

<blockquote class=”twitter-tweet” lang=”it”><p lang=”it” dir=”ltr”>Dimissioni immediate per il dirigente dell'Asl Napoli 1, dopo la condanna degli ex amministratori per un danno di oltre 30 mln all'azienda.</p>&mdash; Vincenzo De Luca (@VincenzoDeLuca) <a href=”https://twitter.com/VincenzoDeLuca/status/652926036297011200″>10 Ottobre 2015</a></blockquote>
<script async src=”//platform.twitter.com/widgets.js” charset=”utf-8″></script>

 

Come si evince dalla mappa, De Luca ha colorato di rosso città dopo città, riuscendo ad avere la meglio con il 52% dei voti. Cozzolino si è fermato al 44%, mentre il socialista Marco Di Lello ha ottenuto appena il 4%. Nel dettaglio della mappa sono colorati in rosso i comuni nei quali De Luca è stato il più votato, in verdi quelli appannaggio di Cozzolino e in giallo quelli in cui Di Lello è riuscito a ottenere il primo posto.

Nella città di Napoli Cozzolino ha superato di poco il 52%, mentre a Salerno la partita è stata nettamente vinta da De Luca, che ha portato a casa il 96% dei consensi. Una sfida senza storia, si potrebbe dire, in quello che è ormai il feudo del candidato governatore, che fu già decisivo due anni fa nella vittoria di Matteo Renzi alle primarie nazionali che lo lanciarono verso Palazzo Chigi.

Gianluca De Martino

Gianluca De Martino

Giornalista freelance, scrivo per web, carta e tv. Cresciuto a Pompei, poi adottato da Roma. Ho trascorso dieci anni in quotidiani e emittenti televisive in Campania, dove mi sono occupato di politica, cronaca di vari colori, soprattutto nera, e inchieste. Poi ho scoperto il data journalism e non l’ho più mollato. Ho scritto anche per la televisione: nel 2012 tra gli autori di “Num3r1”, in onda su Rai Due e primo esperimento di data journalism in tv. Poi un’esperienza con La7 e altri due documentari autoprodotti. Con i dati mi piace raccontare soprattutto politica e calcio, due mondi dominati dalle opinioni.
Gianluca De Martino
Tweet about this on TwitterShare on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *